La vergogna dell’Africa di Ahmad Salkida Tradotto da F. Kankindi

Recentemente la guardia costiera UE ha scavato da sotto il Mar Mediterraneo diverse centinaia di corpi di giovani africani annegati in un disperato tentativo di attraversarlo per raggiungere l’Europa. La disperazione racconta un’altra storia sordida. Giovani africani pieni di vita sono stati truffati da una miriade di disgrazie nelle loro paesi d’origine. Le guerre, terrorismo, malgoverno, corruzione, disoccupazione, carestia hanno contribuito a rendere ai giovani africani un futuro più misero e incerto.
L’analisi attento delle nazionalità dei giovani africani, brulicante il Mar Mediterraneo e le morti audaci ad ogni costo riflette paesi incastonati nella corruzione, terrorismo, repressione e malgoverno. In effetti, non sorprende, raramente nessuno tra questi disperati giovani africani provengono dalla Repubblica del Ruanda. Una cosa o due riguardo il Ruanda. Un po ‘più di due decenni fa, il Ruanda, guidato dalla corruzione, l’odio e il nepotismo discese nell’abisso più basso della depravazione umana e del genocidio. Il Rwanda in una brusca svolta drammatica è diventato l’incarnazione e la locandina dell’ orrore e della vergogna dell’Africa.
Ma un ritmo sostenuto di ispirazione e visione individuale, il presidente Paul Kagame ha portato una società piena di odio, diviso, impoveriti e disperati a un modello di riconciliazione, buon governo, e supremazia nazionale.

La vergogna dell'Africa

Perché è possibile che in un lasso di tempo di decennio una leadership africana è in grado di condurre uno Stato fallito a un modello di prosperità economica e altri paesi africani con molto meno problemi, più dotati economicamente e socialmente stanno affondando ogni giorno in categorie di falliti e Stati fallimentari? Prendete, per esempio, la Nigeria, Camerun, Senegal, Congo, Etiopia, Eritrea, Somalia, Sudan e Libia, ecc. Ciascuno di questi paesi per la sua dotazione naturale e delle risorse umane porta più potenzialità di qualsiasi paese europeo. Eppure, i giovani, il futuro, la posterità di queste nazioni sono giorno per giorno votate ad un rifiuto e abbracciano la morte certa e gioiosa, semplicemente fuggendo la disumanità che li prospetta la loro cittadinanza africana.

Così nel 21 ° secolo in Africa, più di un secolo dietro l’epoca della schiavitù europea degli africani, i nostri valori sono sottoposti anche all’inumanità della schiavitù. In termini semplici, i padroni di schiavi europei sono venuto in Africa, impiegando gli armi per perseguire, catturare e prendere gli africani in schiavitù. Oggi, sono gli africani che progettano il loro schema alla ricerca di un’aspirazione da schiavo. Questa è la mia interpretazione della migrazione di massa verso l’Europa.
“La realtà è, l’Africa è stato strappato via per tanto tempo”, dice l’ex presidente dela Banca Africana di Sviluppo Donald Kaberuka. “L’Africa vuole crescere in sé dalla povertà attraverso il commercio e gli investimenti -. Per farlo parte è garantire che vi sia trasparenza e buon governo nel settore delle risorse naturali”
Tuttavia, il commercio equo e trasparente tra l’Africa e il resto del mondo, soprattutto il mondo occidentale sembra irraggiungibile, ma è troppo tardi per gli africani a stare a guardare e lamentarsi, lo sviluppo nel Botswana, ricco di diamanti e una volta il Ruanda agraria impoverito ha rivelato che se i paesi africani faccessero le cose giuste, si può sperimentare una crescita economica stabile e trasparente e cambiare la vita dei loro cittadini in giro di un breve periodo.
Immaginate la Nigeria con una popolazione di oltre 170 milioni, il più grande mercato africano, i giovani più intraprendenti ed energiche, una profondità di robusti professionisti e persone altamente creative. Che altro è necessario per disporre di una potenza mondiale diverso da questi elementi? Ma il sogno nigeriano e le aspirazioni di una nazione forte, che porta il resto dell’Africa è stato reso un sogno irrealizzabile. Secondo un ex della Banca Mondiale vicepresidente per l’Africa, Oby Ezekwesili, la Nigeria, il più grande produttore di petrolio dell’Africa, ha perso almeno $ 400 miliardi (£ 250 miliardi) delle sue entrate di petrolio dopo l’indipendenza del paese nel 1960. Nel frattempo, circa il 90% delel persone vivono con meno di 2 $ al giorno. Ma che non può essere tutta la storia della Nigeria.
Le ultime elezioni generali in Nigeria sono stati eloquentemente descritti come uno spartiacque, la narrazione che porta alle elezioni sono stati costruiti intorno al cambiamento. La Nigeria ha bisogno di cambiamento. La Nigeria ha bisogno di portare l’Africa a un cambiamento duraturo. Tuttavia la Nigeria per avere successo in questo, ha bisogno di guardare nella direzione di un piccolo paese dell’Africa orientale che non è poi così perfetto, ma questo paese cerca l’eccellenza facendo le cose giuste finora.
Le sfide in Africa sono reali, ma la soluzione si trova in Africa, e non all’estero. Il Ruanda, guidato da un africano ha dato testimonianza eloquente di questo. E ‘un modello praticabile. Nigeria, Ghana, Senegal e anche la travagliata ricca Libia possono prendere in prestito una foglia dal modello ruandese e salvare questa generazione di africani, assolvendo e contenendo la vergogna di oggi.
Mise à jour le Mardi, 04 Août 2015 21:32

Recentemente la guardia costiera UE ha scavato da sotto il Mar Mediterraneo diverse centinaia di corpi di giovani africani annegati in un disperato tentativo di attraversarlo per raggiungere l’Europa. La disperazione racconta un’altra storia sordida. Giovani africani pieni di vita sono stati truffati da una miriade di disgrazie nelle loro paesi d’origine. Le guerre, terrorismo, malgoverno, corruzione, disoccupazione, carestia hanno contribuito a rendere ai giovani africani un futuro più misero e incerto.
L’analisi attento delle nazionalità dei giovani africani, brulicante il Mar Mediterraneo e le morti audaci ad ogni costo riflette paesi incastonati nella corruzione, terrorismo, repressione e malgoverno. In effetti, non sorprende, raramente nessuno tra questi disperati giovani africani provengono dalla Repubblica del Ruanda. Una cosa o due riguardo il Ruanda. Un po ‘più di due decenni fa, il Ruanda, guidato dalla corruzione, l’odio e il nepotismo discese nell’abisso più basso della depravazione umana e del genocidio. Il Rwanda in una brusca svolta drammatica è diventato l’incarnazione e la locandina dell’ orrore e della vergogna dell’Africa.
Ma un ritmo sostenuto di ispirazione e visione individuale, il presidente Paul Kagame ha portato una società piena di odio, diviso, impoveriti e disperati a un modello di riconciliazione, buon governo, e supremazia nazionale.
Perché è possibile che in un lasso di tempo di decennio una leadership africana è in grado di condurre uno Stato fallito a un modello di prosperità economica e altri paesi africani con molto meno problemi, più dotati economicamente e socialmente stanno affondando ogni giorno in categorie di falliti e Stati fallimentari? Prendete, per esempio, la Nigeria, Camerun, Senegal, Congo, Etiopia, Eritrea, Somalia, Sudan e Libia, ecc. Ciascuno di questi paesi per la sua dotazione naturale e delle risorse umane porta più potenzialità di qualsiasi paese europeo. Eppure, i giovani, il futuro, la posterità di queste nazioni sono giorno per giorno votate ad un rifiuto e abbracciano la morte certa e gioiosa, semplicemente fuggendo la disumanità che li prospetta la loro cittadinanza africana.
Così nel 21 ° secolo in Africa, più di un secolo dietro l’epoca della schiavitù europea degli africani, i nostri valori sono sottoposti anche all’inumanità della schiavitù. In termini semplici, i padroni di schiavi europei sono venuto in Africa, impiegando gli armi per perseguire, catturare e prendere gli africani in schiavitù. Oggi, sono gli africani che progettano il loro schema alla ricerca di un’aspirazione da schiavo. Questa è la mia interpretazione della migrazione di massa verso l’Europa.
“La realtà è, l’Africa è stato strappato via per tanto tempo”, dice l’ex presidente dela Banca Africana di Sviluppo Donald Kaberuka. “L’Africa vuole crescere in sé dalla povertà attraverso il commercio e gli investimenti -. Per farlo parte è garantire che vi sia trasparenza e buon governo nel settore delle risorse naturali”
Tuttavia, il commercio equo e trasparente tra l’Africa e il resto del mondo, soprattutto il mondo occidentale sembra irraggiungibile, ma è troppo tardi per gli africani a stare a guardare e lamentarsi, lo sviluppo nel Botswana, ricco di diamanti e una volta il Ruanda agraria impoverito ha rivelato che se i paesi africani faccessero le cose giuste, si può sperimentare una crescita economica stabile e trasparente e cambiare la vita dei loro cittadini in giro di un breve periodo.
Immaginate la Nigeria con una popolazione di oltre 170 milioni, il più grande mercato africano, i giovani più intraprendenti ed energiche, una profondità di robusti professionisti e persone altamente creative. Che altro è necessario per disporre di una potenza mondiale diverso da questi elementi? Ma il sogno nigeriano e le aspirazioni di una nazione forte, che porta il resto dell’Africa è stato reso un sogno irrealizzabile. Secondo un ex della Banca Mondiale vicepresidente per l’Africa, Oby Ezekwesili, la Nigeria, il più grande produttore di petrolio dell’Africa, ha perso almeno $ 400 miliardi (£ 250 miliardi) delle sue entrate di petrolio dopo l’indipendenza del paese nel 1960. Nel frattempo, circa il 90% delel persone vivono con meno di 2 $ al giorno. Ma che non può essere tutta la storia della Nigeria.
Le ultime elezioni generali in Nigeria sono stati eloquentemente descritti come uno spartiacque, la narrazione che porta alle elezioni sono stati costruiti intorno al cambiamento. La Nigeria ha bisogno di cambiamento. La Nigeria ha bisogno di portare l’Africa a un cambiamento duraturo. Tuttavia la Nigeria per avere successo in questo, ha bisogno di guardare nella direzione di un piccolo paese dell’Africa orientale che non è poi così perfetto, ma questo paese cerca l’eccellenza facendo le cose giuste finora.
Le sfide in Africa sono reali, ma la soluzione si trova in Africa, e non all’estero. Il Ruanda, guidato da un africano ha dato testimonianza eloquente di questo. E ‘un modello praticabile. Nigeria, Ghana, Senegal e anche la travagliata ricca Libia possono prendere in prestito una foglia dal modello ruandese e salvare questa generazione di africani, assolvendo e contenendo la vergogna di oggi.

Pubblicato  Martedì, 04 Agosto 2015 21:32

Originale: OPINION : The Shame Of Africa

Add comment agosto 5th, 2015

RWANDA NATIONAL DAY ALL’EXPO IL 2/7/2015

Cari amici, unitevi a noi al RWANDA NATIONAL DAY ALL’EXPO il 2/7/2015!!!
Il Rwanda: Terra meravigliosa da visitare, da vivere e dalle grandi opportunità di investimento.

EXPO RWANDA

Il 2 luglio ad Expo presenteremo la “magia” del Rwanda, il suo sviluppo sociale ed economico, la grandezza delle sue donne, la disponibilità ed il desiderio di accogliere imprese ed investitori italiani.

Programma: Auditorium Expo ore 15
Conferenza “Le donne nella rinascita di una nazione“ , Letizia Moratti, Louise Mushikiwabo (Ministro degli Esteri), Claudia Sorlini
Conferenza “Opportunità di business in Rwanda” Ministro del Commercio e dell’Industria, CEO Rwanda Develop Board, Ministro dell’Agricoltura
B2B meetings/Cocktail
Musiche e Danze Rwandesi

Info Pack Rwanda National Day

Add comment giugno 5th, 2015

21° Commemorazione del Genocidio dei Tutsi in Rwanda

Come tutti gli anni, il 7 aprile commemoreremo la 21 Giornata Internazionale del Genocidio dei Tutsi in Rwanda. Quest’anno, in coerenza con l’indirizzo della CNLG, la Commissione Nazionale di Lotto contro il Genocidio, le celebrazioni saranno a livello locale mentre quelli a livello nazionale verranno celebrati ogni quinquenio. Quest’anno Bene Rwanda Onlus organizzerà la commemorazione nella Scuola Media Statale Cardarelli il 22 aprile 2015 mentre il 7 aprile ci uniremo alla nostra Comunità a Milano. Ecco le locandine degli eventi.

Locandina Bene Rwanda presso la Cardarelli

Locandina Bene Rwanda presso la Cardarelli

Locandina 7 aprile comunità rwandese a Milano

Locandina 7 aprile comunità rwandese a Milano

Invito 21° Commemorazione Genocidio dei Tutsi presso la Cardarelli

Add comment aprile 3rd, 2015

Il Mese delle Memorie presso la Casa del Popolo di Settignano

Anche quest’anno la Casa del Popolo di Settignano ha proposto una rassegna dedicata ai genocidi: noti e ignoti, più o meno vicini in termini temporali e geografici. Il 2015, fra l’altro, segna il centenario del genocidio armeno, che in realtà coinvolse tutte le minoranze cristiane dell’impero ottomano. Non soltanto gli Armeni, quindi, ma anche gli Assiri e i Greci del Ponto. Oggi questa tragedia, pur essendo ancora negata dal governo turco, è una realtà storica nota a tutti. Il suo riconoscimento dimostra che lo sforzo congiunto – informativo, accademico, politico – può cambiare le cose e radicare nella coscienza collettiva una tragedia ignota.

Documentari Mwaramutseho, Lyiza, Maibobo.

Documentari Mwaramutseho, Lyiza, Maibobo.

Sostanzialmente ignoto, al contrario, è il genocidio per fame (holodomor) pianificato da Stalin negli anni Trenta del secolo scorso. Un secolo che si è chiuso con due tragedie simultanee, quella bosniaca e quella ruandese. Sono ancora tanti i genocidi dimenticati, taciuti, negati. Purtroppo alcuni di loro hanno ben poche possibilità di uscire dall’ombra in cui si trovano. Anche il cinema può contribuire a diradare questa coltre di oblio. Ecco perché la rassegna prosegue animata da questo obiettivo in collaborazione con: ASS.IL CERCHIO ASS. IL PONTE DI MICT ONLUS BENE RWANDA CENTRO DI DOCUMENTAZIONE SUI POPOLI MINACCIATI CENTRO DOC.CARLO GIULIANI

La rassegna “Il mese delle memorie 2015″

Add comment gennaio 30th, 2015

No alla cittadinanza onoraria a Paul Rusesabagina!

Abbiamo appena appreso questa notizia per noi rwandesi davvero choccante cioè che la città di Torino si appresta a conferire la cittadinanza onoraria a quello che i sopravvissuti dell’Hotel Milles Collines considerano un impostore aguzzino propinato come eroe dal film Hotel Rwanda senza appurare minimamente la veridicità dei quanto raccontato da Paul Rusesabagina! (http://www.torinotoday.it/cronaca/cittadinanza-onoraria-paul-risebagina-rwanda.html).
Ormai è stato ampiamente documentato quanto ciò che racconta il film sia più fiction che verità con tanto di libro che ha smentito l’impostura (HÔTEL RWANDA OU LE GÉNOCIDE DES TUTSIS VU PAR HOLLYWOOD).
Non ci lasciate soli in questa battaglia, aiutateci ad evitare che la memoria di un milione di morti passato sotto silenzio e inazione della comunità internazionale sia infangata con un premio a chi oggi nega lo stesso genocidio dei Tutsi del Rwanda!

Per fortuna grazie alla mobilitazione massiccia di tutti noi la cerimonia della consegna del premio è stata annullata, continueremo la battaglia purché il Consiglio comunale revochi la delibera di conferimento della cittadinanza onorario ad un presunto giusto mai riconosciuto dai sopravvissuti che lo stesso pretende aver salvato. Ecco cosa ne pensa Tatien Miheto, ex coordinatore del Comitato di Crisi all’Hotel Milles Collines Miheto-interpelle-le-hero-politicien-du-film Hotel Rwanda

E’ da anni che l’associazione Bene Rwanda è impegnata nel far luce e far conoscere al pubblico italiano la verità sul falso eroe del film di Terry Georges che racconta di un eroe mai esistito (http://www.benerwanda.org/index.php?s=Paul+Rusesabagina&searchbutton=Vai).

Negli ultimi anni non solo il negazionismo ma anche la celebrazione di falsi eroi ha turbato i sopravvissuti del genocidio. Molte delle testimonianze di sopravvissuti ospitati nel famoso Hotel delle Mille Colline pervenute alla nostra associazione sono, infatti, non in linea con le versioni date dal signor Rusesabagina e utilizzate per la produzione del film hollywoodiano “Hotel Rwanda”. Da vent’anni  i sopravvissuti chiedono chiarezza su quelle vicende e sull’effettivo operato del signor Rusesabagina durante e dopo il genocidio. Bene Rwanda è impegnata per il riconoscimento i veri “giusti del Rwanda” attraverso una campagna per l’assegnazione del Nobel per la Pace a Zura Karuhimbi, Yolande Mukagasana e Pierantonio Costa, in quanto Giusti per le loro azioni durante e dopo il genocidio del Rwanda del 1994 e figure rappresentative contro ogni genocidio.

Link utili: http://www.editions-harmattan.fr/index.asp?navig=catalogue&obj=livre&no=25388

http://blog.panorama.it/libri/2008/02/29/hotel-rwanda-il-libro-denuncia-che-inchioda-hollywood/

Il falso Schindler dell’ Hotel Rwanda

Per contribuire alla nostra causa, firmate la petizione per la revoca della cittadinanza onoraria deliberato dal Consiglio Comunale di Torino: https://www.change.org/

Add comment gennaio 22nd, 2015

Ancora un nuovo genocidio dei Tutsi sotto il silenzio della Comunità Internazionale

Ieri gli interahamwe in Rwanda, oggi gli Imbonerakure in Burundi con l’obiettivo di sterminare i Tutsi mentre il mondo sta guardando con tanto di presenza della Brigata dell’Onu Monusco la quale piuttosto che fermare i genocidaridelle FDLR che seminano terrore in Congo ci sguazza dentro! Anch’io sono Charlie ma qui chi è Tutsi?
Massacri in BurundiPer rompere il silenzio assordante della stampa italiana e scongiurare quanto affermò l’allora presidente francese François Mitterand durante la carneficina in Rwanda nel 94 cioè “un genocidio in quei paesi non è importante, riporto volentieri questo articolo di Fulvio Beltrami.

Burundi. Guerra tra hutu, massacri di tutsi e venti di guerra regionali.

Add comment gennaio 13th, 2015

BBC accusata di promuovere la negazione del genocidio dei Tutsi in Rwanda

Nessuno può svegliarsi una mattina e pensare poter stravolgere la storia di un popolo specialmente quando si tratta di un genocidio! Noi rwandesi, in particolare i sopravvissuti di tale carneficina, siamo profondamente indignati e preocupati dei contenuti negazioniti dell’ultimo documentario trasmesso dalla BBC “Rwanda’s Untold Story”. Pretendiamo rispetto a un milione di vittime e riparazione ai sopravvissuti . Ringraziamo di cuore i grandi Uomini e Donne che hanno sottoscritto la lettera sotto riportata unendo la loro autorevole voce alla nostra per far sì che il mai più sia tale.

Francoise Kankindi

Traduzione della lettera aperta scritta dai più grandi studiosi, scienziati, giornalisti e storici del genocidio dei Tutsi in Rwanda al direttore della BBC per contestare il documentario “Rwanda’s Untold Story” .

Mr. Tony Hall,

Direttore generale della BBC,

Broadcasting House,

Portland Place,

Londra. W1A 1AA

12 Ottobre 2014.

Egregio Signore,

Noi sottoscritti, studiosi, scienziati, ricercatori, giornalisti e storici scriviamo a voi oggi per esprimere la nostra profonda preoccupazione per il contenuto del documentario “Rwanda’s Untold Story” (This World, BBC 2 Mercoledì 1 ottobre), in particolare la sua copertura del genocidio del 1994 del Tutsi.

Noi accettiamo e sosteniamo che è legittimo indagare, con la dovuta diligenza e il rispetto delle prove di fatto, eventuali crimini commessi dal Fronte Patriotico ruandese (RPF), e di riflettere sulla situazione politica contemporanea in Ruanda. Tuttavia, i tentativi di esaminare questi problemi non dovrebbero distorcere la realtà del genocidio del 1994. Non è legittimo utilizzare gli eventi correnti
né negare o diminuire il genocidio. Né è lecito promuovere negazione del genocidio.

Le parti del film che riguardano il genocidio del 1994, lungi dal fornire agli spettatori con un ‘Untold Story’, come promette il titolo, sono vecchi crediti. Per anni materiale che usano un linguaggio simile è stato distribuito in lungo e in largo come parte di una campagna in corso del ‘Hutu Power’ di negazione del genocidio. Al cuore di questa campagna stanno condannati genocidi, alcuni dei loro avvocati difensori al Tribunale penale internazionale per il Ruanda (ICTR), i loro sostenitori e collaboratori. Questi negazionisti continuamente mettono in discussione lo status del genocidio e cercano di dimostrare – come il programma – che quello che viene definito la ‘versione ufficiale’ dei genocidio del 1994 è sbagliato.

Il programma della BBC Rwanda’s Untold Story ricicla i loro argomenti e fornisce loro un’altra piattaforma per creare dubbi e confusione su ciò che è realmente accaduto. Tre delle affermazioni insostenibili fatte nel programma sono le seguenti:

la prima è la menzogna sulla vera natura della milizia Hutu, la seconda è il tentativo di minimizzare il numero di Tutsi uccisi nel genocidio, e la terza è il tentativo di mettere la colpa di aver abbattuto Aereo del presidente Habyarimana il 6 aprile 1994 sul Fronte Patriottico ruandese (RPF).

In primo luogo, il programma permette una testimonianza a sostenere che ’solo il 10% dei Interahamwe (milizia) erano assassini ‘. In realtà, la maggior parte delle milizie Hutu Power – stima sono stati 30.000 forte – sono stati addestrati specificamente per uccidere i tutsi in velocità, e indottrinati in una ideologia razzista, parte della pianificazione del genocidio . Ci sono testimonianze oculari da diversi leader delle milizie Hutu che hanno collaborato con l’ICTR.

In secondo luogo, il programma tenta di minimizzare il numero di tutsi
assassinato, una tattica tipica dei negazionisti del genocidio. Le false cifre citate sono fornite da due studiosi americani che hanno lavorato per una squadra di avvocati in difesa di genocidi presso l’ICTR. Hanno anche sostenuto che 1994 più Hutu sono stati uccisi di Tutsi – una proposta assurda e contraria a tutte le ricerche ampiamente disponibili riportato da Amnesty International, l’UNICEF, l’ONU
Commissione Diritti Umani, Oxfam, Human Rights Watch, Africa Rights, la Commissione degli esperti incaricato dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU sottoposti al Tribunale Penale Internazionale per il Rwanda ICTR e altre corti europee, che hanno messo con successo sotto processo diversi massacratori.
In terzo luogo, il film sostiene che l”abbattimento dell’aereo il 6 aprile 1994 è stato perpetrato dal RPF. Questa stessa storia è stata promossa dagli estremisti del Hutu Power nel giro di poche ore dall’ assassinio del presidente e promosso da allora dai genocidari e qualche  avvocati difensori ICTR.

Il film non tiene conto di una perizia dettagliata pubblicata nel gennaio 2012 da un giudice magistrato francese Marc Trevidic. Questo contiene elementi di prova da esperti francesi, tra cui gli investigatori incidente, che ha dimostrato scientificamente che i missili che abbattuto l’aereo è venuto dai confini del

caserma gestiti dal governo in Kanombe sul perimetro dell’aeroporto – uno dei luoghi più fortificata del paese, e dove sarebbe stato impossibile per l’RPF, armato con un missile, di penetrare.

Poche ore dopo l’assassinio del presidente, in questo genocidio attentamente pianificato, blocchi stradali furono montati in tutto Kigali e della Guardia Presidenziale iniziò a prenndere come bersaglio ogni membro dell’ opposizione politica ruandese. Queste eventi epocali sono a malapena menzionate. I membri dei Movimenti Hutu e Tussi pro-democrazia tutsi sono stati braccati e uccisi, tra cui Il primo ministro del Ruanda, Agathe Uwilingiyimana, e dieci caschi blu Belgi che la stavano  proteggendo. Questi politici dell’opposizione avevano minacciato il regime di Habyarimana sostenendo la condivisione del potere e pagato per il loro coraggio con la vita. Ignorati in questo film sono i tentativi dell’Hutu Power di dividere l’opposizione politica interna lungo linee etniche.

La violenza politica nel film si vede solo nel contesto di una ‘guerra civile’ tra l’RPF e il governo Habyarimana, una cortina di fumo, usato allora e di oggi, per nascondere l’uccisione sistematica di Tutsi svolto dal Governo Hutu Power provvisorio e la sua milizia.

Il film-maker, Jane Corbin, che ha presentato il programma, tenta anche di sollevare dubbi sul fatto che  non è il RPF che ha fermato il genocidio. l’autorità su questo argomento è il tenente-generale Roméo Dallaire, Il Comandante in forza della missione di assistenza delle Nazioni Unite per il Rwanda (dell’UNAMIR), e presente in Ruanda durante il genocidio. Dallaire è categorico. ‘Il genocidio è stato arrestato perché l’RPF ha vinto e l’ha fermato ‘, dice. Corbin ignora le testimonianze di testimoni diretti per quello che è successo nel 1994: Dallaire e i suoi volontari caschi blu, Philippe Gaillard medico presso il Comitato Internazionale della Croce Rossa, e il dottor James Orbinski di Medici Senza Frontiere.

Anni di ricerca e di scrittura di accademici ed altri esperti insieme con ore di film di giornalisti che hanno lavorato per la BBC – tutta questa testimonianza oculare è respinto come se fosse fraudolento. Nello  trasmettere questo documentario la BBC è stato incautamente irresponsabile. Il programma ha alimentato negazione del genocidio. Ha inoltre incoraggiato i genocidari, tutti i loro sostenitori e coloro che collaborano con loro. Ha fornito loro la legittimità della BBC. La negazione del genocidio è l’offesa   più grave ai sopravvissuti. Per loro, il genocidio è non un evento distante di 20 anni fa, ma una realtà con cui vivono ogni giorno.

La negazione del genocidio è ormai ampiamente riconosciuta come la fase finale dei crimine. Uno degli studiosi del genocidio preminente del mondo, lo statunitense professor Greg H. Stanton, descrive dieci tappe nel genocidio: la classificazione della popolazione; simbolizzazione di tali classificazioni; discriminazione nei confronti di un gruppo mirato; disumanizzazione del gruppo paria; organizzazione degli assassini; polarizzazione della popolazione; preparazione da parte degli assassini; persecuzione delle vittime; lo sterminio delle vittime; e la negazione che le uccisioni era genocidio.

La negazione, la fase finale, assicura che il crimine continua. Si incita nuove uccisione. Esso nega la dignità del defunto e deride coloro che sono sopravvissuti. La negazione del genocidio è presa così seriamente che in alcuni paesi europei è un crimine. Nel 2008 il Consiglio dell’Unione europea ha invitato gli Stati Membri di dichiarare un criminalizzare la negazione del genocidio.

Il genocidio del 1994 dei Tutsi dovrebbe essere trattata da tutti gli interessati con la massima onestà intellettuale e rigore. Saremmo disposti – anzi dovremo vederlo come nostro dovere – incontrare i giornalisti e discutere come programma  successivo le gravi inesattezze nella Rwanda’s Untold Story del Ruanda.

Speriamo che la gestione BBC realizzerà rapidamente la gravità della negazione del genocidio in Rwanda’s Untold Story del Ruanda. Chiediamo alla BBC di spiegare come il programma è stato concepito per essere e il processo decisionale della redazione che ha permesso di essere mandato in onda. Nel corso di un’indagine interna della BBC ci auguriamo tutti i documenti pertinenti di questo archivio mondiale e i più anziani editori coinvolti nella approvazione del programma siano rilasciati per motivi di studio.

Rwanda’s Untold Story appanna la meritata reputazione della BBC per il giornalismo oggettivo ed equilibrato. Esortiamo la BBC di scusarsi per la profonda offesa che questo programma ha causato a tutte le vittime e i sopravvissuti del genocidio del 1994  in Ruanda.

Firmato

Professor Linda Melvern, Autore, A People Betrayed: Il ruolo dell’Occidente nel genocidio del Ruanda; Conspiracy to Murder

Il senatore Roméo Dallaire, Comandante della forza UNAMIR

Il professor Gregory H. Stanton, Presidente, Genocide Watch

Mehdi Ba, Giornalista e Scrittore

Ken Barham, Vescovo

Dr. Margaret Brearley, Independent Scholar

Dr. Gerald Caplan, Scrittore, Il genocidio evitabile

Il professor Frank Chalk, Professore di Storia / Direttore, Istituto Montreal Studi su genocidi e Diritti Umani , Concordia University, co-autore, “Mobilitare la volontà di Intervenire: Leadership per prevenire atrocità di massa ‘(McGill-Queen University Press, 2010)

Dr.phil Clark,  Reader in Comparative and International Politics, SOAS, University of London

Boubacar Boris Diop, Sénégal, Scrittore, Murambi, il libro delle ossa

Jean-Francois Dupaquier , Scrittore e Experto

Hélène Dumas, Diplômée de l’IEP d’Aix-en-Provence (2003), Docteur en histoire de l’EHESS (2013)

Il professor Margee Ensign, Presidente  American University of Nigeria

Tim Gallimore, Indipendente ricercatore sui Genocidi

Peter Greaves, Ex membro del personale UNICEF

Fred Grünfeld, Emerito professore in Relazioni Internazionali, Diritti Umani e le Cause di violazioni dei diritti umani, Università di Maastricht e Utrecht, Paesi Bassi. Autore di The Failure to Prevent Genocide in Rwanda:
The Role of Bystanders, 2007

Dr. Helen Hintjens, Assistant Professor in sviluppo e  giustizia sociale,
Istituto Internazionale di Studi Sociali (ISS) L’Aia

Dr. Georgina Holmes, Docente Relazioni Internazionali, Università di Portsmouth / Royal Holloway, University of London Richard Johnson Autore, La parodia di Human Rights Watch sul Ruanda

Eric Joyce MP

Ambasciatore Karel Kovanda (ret), rappresentante Repubblica Ceca  nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, 1994-1995

Françoise Lemagnen, Amministratore Delegato, Survivors Fund (SURF)

Ambasciatore Stephen Lewis, L’ex ambasciatore canadese a UN.

W.Alan McClue, Visiting Fellow, Università di Bournemouth / Cranfield University

Roland Moerland, Ph.D. Ricercatore e Docente di Criminologia sovranazionali e organizzativa , Dipartimento di Diritto Penale e Criminologia Maastricht University, Paesi Bassi

George Monbiot, Scrittore e giornalista

Jacques Morel, Autore, La France au coeur du génocide des Tutsi (2010)

Barbara Mulvaney, Consulente di Diritto internazionale; L’ex Avvocato Senior di prova al processo – Bagosora et al., Tribunale internazionale per il Ruanda delle Nazioni Unite

Dr. Jude Murison, Facoltà di Scienze Politiche e Sociali, Università di Edimburgo

Peter Raymont, Presidente, White Pine Pictures, Toronto, Canada

Il professor Josias Semujanga , Professeur titulaire, Département des littératures de langue française, Université de Montréal, Québec

Jonathan Salt, Amministratore Delegato di Ojemba Education

Keith Somerville, Senior Research Fellow, Istituto di Studi del Commonwealth, Università di Londra; Docente di Comunicazione e umanitarismo, Centro per
Giornalismo, Università di Kent

Patrick de Saint-Exupéry Autore e journalista

Dr James M. Smith CBE , CEO, Aegis Trust

Rafiki Ubaldo, giornalista

Andrew Wallis, Author, Silent Accomplice: The untold Story of the Role of France in the Rwandan Genocide, I.B.Tauris, 2014

Lillian Wong, O.B.E., British Chargé d’Affairs in Rwanda 1994-1995

Scarica la versione originale in inglese: Letter to BBC Director-General

Add comment ottobre 15th, 2014

“RWANDA, LA CATTIVA MEMORIA ALLA RASSEGNA “PIOVONO LIBRI” A COLLECCHIO

Presentazione di “Rwanda, la cattiva memoria” sabato 28 giugno alla Festa multiculturale di Collecchio, una grande manifestazione che si tiene a Collechio, una paese pedemontano a pochi chilometri da Parma nel Parco comunale dove saranno allestiti stand, banchetti e un grande ristorante all’aperto.

piovono libri 22 giu 2014

piovono libri 22 giu 2014

La rassegna “Piovono libri”  è a cura dell’associazione Le Giraffe  (www.associazionelegiraffe.it) che produce documentari d’interesse sociale, organizza mostre di fotografia, worshop di fotografia e documentaristici e presentazioni di libri. La presentazione di “Rwanda, la cattiva memoria” avverrà all’interno di tale rassegna

Alla Festa ci sarà la libreria dell’associazione Kwa Dunìa con il suo  grande stand con libri d’interesse sociale e interculturale dove il pubblico potrà trovare i libri che verranno presentati.

Add comment giugno 10th, 2014

Messaggio d’ accoglienza di Françoise Kankindi e Intervento di Gianluca Peciola

Add comment aprile 19th, 2014

Intervento di On.Milena Santerini

Add comment aprile 19th, 2014

Intervento di Fabio Graziosi

Add comment aprile 19th, 2014

Intervento di Francesco Alicicco

Add comment aprile 19th, 2014

Intervento di Paolo Ricca

Add comment aprile 19th, 2014

Intervento di Yolande Mukagasana

Add comment aprile 19th, 2014

Intervento di Federigo Argentieri

Add comment aprile 19th, 2014

Previous Posts




Locations of visitors to this page

Intervento di Dario Fo

RTML: la radio dell'odio

Massacro a Murambi, il video

Dona il 5x1000 a Bene Rwanda, clicca qui per sapere come

SPECIALE: XV° ANNIVERSARIO DEL GENOCIDIO DEL RWANDA

CAMPAGNA INFORMATIVA: CENTO GIORNI PER RICORDARE IL GENOCIDIO DEL RWANDA

Le interviste di BEPPE GRILLO

Per donare a Bene-Rwanda




Per destinare il
5x1000
a Bene-Rwanda Onlus basta firmare nello spazio riservato alle Organizzazioni Non Lucrative (Onlus)della dichiarazione dei redditi e indicare il codice fiscale dell'associazione:
C.F. 97411890581

Per contributi su conto corrente:
Bene-Rwanda Onlus
C/C 73530933 ABI 7601 CAB 03200 CIN N
IBAN: IT-97-N-07601-03200-000073530933


Le erogazioni a ONLUS sono detraibili per le persone nei limiti dell'art. 15, comma I, DPR 917/1986 e deducibili per le imprese ai sensi dell'art. 100, DPR 917/1986.

Feeds

Indirizzo

Bene-Rwanda Onlus
Via Pietro Paleocapa 5
00149 Roma
Tel/Fax: 0645491925
C.F. 97411890581

info@benerwanda.org

Accedi/Registrati

Accedi/Registrati