Cronache dal genocidio

“LA MORTE NON MI HA VOLUTA”, CAP. XXI-XXII DI YOLANDE MUKAGASANA

Quando, al termine di un lungo viaggio, una contadina entra nella casa di un uomo rispettabile, questa posa il suo bagaglio in un angolo e avanza a testa bassa verso il personaggio sostenendo il suo braccio destro col sinistro e offrendo una mano in segno di rispetto.
Così faccio io con questo piccolo colonnello magrolino e catarroso che sembra ballare nei suoi vestiti.
Fa un sorrisino quasi cinico e mi saluta facendo vedere che miconosce.
«La mie condoglianze, signora. Le abbiamo tagliato i seni».
Mi si rizzano i capelli, capisco il senso figurato dell’osservazione,significa che i miei figli sono morti.

Scarica i capitoli: 11_cap-21-22

Visita la sezione Libri

Aggiungi un commento giugno 24th, 2009

“LA MORTE NON MI HA VOLUTA”, CAP. IX-XX DI YOLANDE MUKAGASANA

In Rwanda i cognomi non si danno come in Europa.
Io mi chiamo Mukagasana, che vuol dire “la moglie di Gasana”,perché alla mia nascita mio padre mi destinava a diventare la sposa di un certo Gasana, il figlio di un amico per il quale provava ammirazione o che gli aveva fatto del bene, un tempo, non so.

Scarica i capitoli: 10_cap-19-20

Visita la sezione Libri

Aggiungi un commento giugno 13th, 2009

“LA MORTE NON MI HA VOLUTA”, CAP. XVII-XVIII DI YOLANDE MUKAGASANA

Mi ritrovo in una stanza abbastanza grande, sgombra di tutti i mobili, che i preti hanno assegnato ai rifugiati. Un lampadario della pista proietta su un muro bianco l’immagine bluastra di alcune finestre inaccessibili, come le porte di una prigione.

Scarica i capitoli 9_cap-17-18

Visita la sezione Libri

Aggiungi un commento giugno 9th, 2009

“LA MORTE NON MI HA VOLUTA”, CAP. XIV-XVI DI YOLANDE MUKAGASANA

È un mattino, credo, che è incominciato. Il mattino del decimo giorno. Dapprima, grosse detonazioni sorde in due tempi: lancio ed esplosione. Senza dubbio dei missili muniti di una carica che esplode cadendo. Qualcosa di sofisticato, in una parola, e che fa paura due volte.
Si direbbe che tutta la collina sia un campo di battaglia.

scarica i capitoli al seguente link: 8_cap-14-15-16

Aggiungi un commento giugno 4th, 2009

“LA MORTE NON MI HA VOLUTA”, CAP. IX-XI DI YOLANDE MUKAGASANA

Feriti, ma vivi. Torturati, ma vivi. Umiliati, ma vivi. È in questo stato che ritrovo i miei figli. Tremo vedendoli avanzare verso me, come tre piccoli re magi cenciosi. Ci abbracciamo, piangiamo. Spérancie geme in un angolo della stanza. I suoi singhiozzi mi entrano nella carne come tanti segni della sua debolezza, del suo sentimentalismo senza vigore. Alla fine si alza, scompare nel giardino, lasciandomi alla mia dolorosa intimità di madre circondata dai suoi sfortunati figli.

scarica i capitoli al seguente link: La morte non mi ha voluta cap-9-10-11

Aggiungi un commento maggio 22nd, 2009

“LA MORTE NON MI HA VOLUTA”, CAP. 5-6 DI YOLANDE MUKAGASANA

Mamafis è una donna tutsi che ha partorito nel mio ambulatorio alla fine di marzo. Vedova, si è risposata con un Hutu vedovo. Si amano alla follia. Hanno tre figli di primo letto e due del secondo. L’ultimo si chiama Mpore, dal nome del mio ambulatorio, che vuol dire più o meno «Consolazione». Anastase è un Hutu moderato, ma suo fratello è affiliato al partito estremista e membro della guardia presidenziale. I due fratelli si odiano. Mi ricordo di aver assistito a una scenata tra loro uno o due mesi fa.

Continua a leggere il quinto e sesto capitolo de “La morte non mi ha voluta” di Yolande Mukagasana: la-morte-non-mi-ha-voluta-4_cap-5-6

Aggiungi un commento maggio 5th, 2009

“LA MORTE NON MI HA VOLUTA” CAP. 3-4 DI YOLANDE MUKAGASANA

frammenti20africani

Uno sparo mi sveglia. Devono aver sparato abbastanza lontano perché lo sento appena. Eppure mi ha svegliata. Ma comunque non dormivo. Non lo so più. Ero in uno stato di torpore da cui questo sparo mi ha fatta uscire. Il tempo si fa mite. Un vento leggero, quasi caldo, mi accarezza il viso emanando degli effluvi di caprifoglio. I miei tre figli dormono profondamente. È quello che penso quando vedo brillare gli occhi di Nadine. È ai miei piedi, il suo braccio si attorciglia alle mie caviglie. Assomiglia a un lottatore che viene a chiedere grazia al suo vincitore, pronto a baciargli i piedi.

Continua a leggere il terzo e il quarto capitolo de “La morte non mi ha voluta” di Yolande Mukagasana: 3-la-morte-non-mi-ha-voluta-cap3-4

Visita la sezione “Libri”

Aggiungi un commento aprile 29th, 2009

“LA MORTE NON MI HA VOLUTA” DI YOLANDE MUKAGASANA

copyright-joop-rubens-ii

«Anche se passa le sue giornate altrove, Dio ritorna ogni notte in Rwanda». Questo proverbio, nel mio Paese, è più antico dell’invasione dei missionari. Sì, Imana veniva tutte le sere a dormire in Rwanda, si diceva. I preti ci hanno insegnato che bisognava chiamarlo Mungu, cioè Dio in swahili. Allora l’abbiamo chiamato Mungu. Ma molto presto, prima di nascosto e poi apertamente, abbiamo ripreso a chiamarlo Imana. E ci siamo messi a celebrarlo di nuovo, nella notte. È questa l’anima ruandese, ribelle all’indottrinamento. Intenda chi può.

Scarica i primi due capitoli de “La morte non mi ha voluta” di Yolande Mukagasana: la-morte-non-mi-ha-voluta-i-e-ii-capitoli

Visita la sezione libri

Aggiungi un commento aprile 19th, 2009

“L’UMANITA’ E’ FERITA DAL SILENZIO”, DI YOLANDE MUKAGASANA

La nostra umanità è ferita. Eppure, non ne siamo ancora del tutto consapevoli. Come possiamo proteggere le generazioni future se non abbiamo capito nulla?

skulls-and-soldiers

Lancio un appello a tutti i giovani affinché sappiano cosa è successo sulle colline del Rwanda. So che sono proiettati verso la vita, auspicandosi che l’umanità cambi in meglio. Hanno il dovere di cambiare il mondo in cui avranno dei figli. So che lo vogliono ed ho fiducia in loro. Sono anche convinta che ne siano capaci.

Continua a leggere l’articolo di Yolande Mukagasana

Continua a leggere 1 comment aprile 6th, 2009


Calendario

settembre: 2017
L M M G V S D
« mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Posts del mese

Posts su Categorie