Contributi artistici

Rwanda: storico mea culpa di Sarkozy

sark3

Mea culpa di Nicolas Sarkozy a Kigali, per il genocidio in Rwanda del 1994. Incontrato il presidente Paul Kagame, il Capo di Stato francese ha bollato il sostegno al precedente governo come “grave errore di valutazione” e per la prima volta ammesso la responsabilità di Francia e comunità internazionale. “Tutti i responsabili del massacro – ha esortato – vengano catturati e puniti”.

“Quanto è accaduto in questo paese – ha poi aggiunto – obbliga la comunità internazionale, e anche la Francia, a riflettere sugli errori che sono stati commessi”.
Accompagnato da Kagame, Sarkozy ha poi visitato un memoriale dedicato alle vittime del genocidio. I due hanno inoltre annunciato l’avvio di una cooperazione economica e culturale. Tra le iniziative di Kigali, la riapertura delle scuole francesi nel paese.
“Rwanda e Francia hanno vissuto un passato difficile – ha detto il presidente rwandese Kagame -. Se oggi siamo qui è però proprio per andare incontro al futuro con nuovi rapporti e nuove relazioni”.

Nel 2006 la rottura delle relazioni diplomatiche. All’origine, il coinvolgimento nell’attentato all’aereo dell’ex presidente rwandese, di cui una corte francese aveva accusato Kagame. Episodio scatenante degli scontri etnici fra Hutu e Tutsi, in cui hanno poi perso la vita circa 800.000 persone.

Guarda il video e leggi l’articolo su Euronews.net

Aggiungi un commento febbraio 26th, 2010

IL TESTIMONE

di Armin Theophli Wegner 

Così accadde al testimone che con gli scritti e con le parole ha annunciato la loro tragedia e la loro fine. Egli se ne sta col peso della sua promessa di ricordare i morti, se solo gli riuscisse di ritornare in Occidente, Ma nessuno lo vorrà più ascoltare.

Sono passati cinquant’anni. Popoli anche più grandi hanno sofferto grandissimi dolori. Pieno di riguardo e quasi con una cattiva coscienza, il testimone è là, ha visto qualcosa che nessuno avrebbe potuto vedere senza rischiare la sua vita. Non significa forse che egli deve morire come chi ha veduto il volto di Dio?

Anche attorno a lui si è creato il silenzio. In qualsiasi direzione si rivolga, bussa a porte chiuse: “Abbiamo il nostro dolore!” Così pensano o dicono “Abbiamo le tragedie dei nostri popoli, perché dobbiamo angustiarci del dolore di altri, da lungo tempo dimenticato!”.

Essi vogliono vivere senza preoccupazione e tristezza, trascorrere i loro giorni senza sapere nulla della violenza e dell’affanno che hanno colpito le generazioni che li hanno preceduti. Quando il testimone di questi orrori, all’inizio degli anni Venti, presagendo che la stessa cosa sarebbe potuta accadere in Occidente, illustrò con innumerevoli fotografie e con tutti i documenti che aveva potuto raccogliere nei campi di sterminio, quello che aveva visto, coloro che ne vennero a conoscenza, in Germania e nei Paesi vicini, reagirono con spavento e tuttavia pensarono: “ Il deserto arabico è così lontano!”

Armin Theophil Wegner (1886-1978) arruolato nel primo conflitto mondiale nell’esercito tedesco, è stato un autore prolifico, un esponente dell’Espressionismo tedesco, un attivista dei diritti umani e una vittima delle persecuzioni naziste. E’ stato premiato con la Croce di Ferro per il suo servizio alla Germania durante la guerra ed è stato riconosciuto dallo Yad Vashem come “Giusto tra le nazioni” per aver rischiato la sua vita combattendo l’antisemitismo sotto il nazismo. Di stanza nei territori dell’impero ottomano durante la Prima Guerra Mondiale Wegner fu testimone del genocidio degli Armeni. Scattò centinaia di fotografie degli eventi e si prodigò in sforzi estenuanti per pubblicizzare le persecuzioni contro gli Armeni, sperando che il popolo Tedesco si potesse indignare per il trattamento riservato agli Armeni quando avesse conosciuto la piena verità dei fatti. Questi sforzi includono una lettera aperta al presidente americano Woodrow Wilson in cui Wegner chiedeva un intervento degli Stati Uniti a favore degli Armeni. Nel 1933 scrisse un’altra lettera appassionata, questa volta ad Adolf Hitler a favore degli Ebrei di Germania. In quella lettera sostenne che la persecuzione degli Ebrei non era una questione di “destino dei soli fratelli Ebrei, ma anche del destino della Germania”. Facendo notare che stava scrivendo quella lettera come un tedesco orgoglioso le cui origini familiari prussiane potevano risalire indietro fino ai tempi delle Crociate, Wegner chiese a Hitler cosa sarebbe diventata la Germania se avesse continuato la sua persecuzione degli Ebrei. Rispondendo alla sua stessa domanda, Wegner dichiarò: “Non c’è una Terra dei Padri senza giustizia!”

Aggiungi un commento luglio 4th, 2009

IL DOVERE DELLA MEMORIA

 

 Chi non fa in modo di essere ricordato?

La memoria è Padrona della Morte, la fessura

Nella sua corazza di vanità. Lascerò

 Quello che rende la mia partenza il più semplice

Sogno pomeridiano. I viaggiatori non dovrebbero viaggiare.

Leggeri? Lasciate che il viandante prudente

Si disfi del suo peso eccessivo, di tutto

Ciò che possa giovare al vivente

 

                                                                      Wole Soyinka

 

 

Che altro fare se non rievocare per un istante le anime e le persone scomparse, ascoltarle a lungo, sfiorarle, accarezzarle con parole impacciate e silenzi, sorvolarle ad ali spiegate, perché non possiamo condividere la loro sorte?

Farle sorridere, anche, se è possibile, se si prestano al gioco e se un tale compito non trascende le nostre forze.

Dire il nome di tutti quegli esseri umani falciati così presto, di tutte quelle correnti prosciugate dall’odio e dall’egoismo.

Trasformarsi in cassa di risonanza.

Innalzare un pantheon d’inchiostro e di carta in memoria delle vittime, chiamare in causa le coscienze un pizzico disponibili.

 

Abdourahman Waberi           

 

 

Piangi o popolo

Versa le tue lacrime

Che esse fecondino

La terra insaziabile

Inappagata dal sangue

Del tuo fratello immolato

Che inonda i solchi

Dei campi fertilizzati

Dalle ceneri delle ossa calcinate

Del negro tuo fratello

Che cade salmodiando

Un cantico amaro

 

Sei tu popolo 

Popolo assassino

 Popolo assassinato

 

                                                                 Tshiakatumba Mukadi Mutala

Aggiungi un commento giugno 25th, 2009

TRAMONTI D’OKLAHOMA

di Lance Henson

1
Vicino a Wewoka nella prima tempesta a cui ho assistito da quando sono tornato dalla costa est
guardo a nord verso le cupe nuvole di
temporale
immerse nella scia del vento
un lungo autunno affamato scarica le sue
nubi sulla terra
tormentato da un inverno pieno di sussurri
sento la mia vita che mi osserva
da una fila d’alberi scossi dal vento…

2
viaggiando nelle pianure infinite
la notte piena di domande mi interroga sulle cose
che ho sopportato
senza risposte abbasso un po’ il finestrino
annuso il primo frammento di buio che sibila
passando
colto dalla stanchezza di un altro tramonto
d’Oklahoma mi giro e chiedo a Jeanetta dove
siamo
le chiedo di accompagnarmi oltre questo
tratto
di oscurità
verso un luogo vicino l’alba
un luogo dove ci possiamo sistemare
per pregare

Oklahoma twilights

1
Near Wewoka in the first storm I have
witnessed since returning from the east
coast
I watch to the north dark thunderclouds
steeped in
furrows of wind
a long hungered autumn loosens its clouds
upon the earth
plagued by a winterful of whispers
I feel my life watching me
from a swaying treeline…

(march 29, 1988)
2
riding into the endless plains
the night filled with questions asks me the
things
I have endured
without answers I roll the window partially
down
smell the early clove of dark whistling past
caught in the weariness of another
Oklahoma
sundown I turn to Jeanetta asking her where
we are
ask her to accompany me across this stretch
of darkness
to a place near dawn
a place we can limp
to pray

Aggiungi un commento giugno 12th, 2009

PER JEANETTA

di Lance Henson

Vicino al fiume arkansas dall’altra parte di
tulsa
una donna delaware si sistema sui ciottoli
per sedersi
accanto a un albero spoglio
tra le ragnatele argentate
siede in una cupa imperscrutabile preghiera
dopo un lungo momento stende le braccia
verso il fiume
nessuno può conoscere questo breve
istante e la
sua bellissima tristezza meglio di lei

For Jeanetta

Near the arkansas river across from tulsa
a delaware woman climbs small boulders to
sit
near a ragged tree
among silver spider webs
she sits in somber unsoundable prayer
after a long while she raises her arms
toward
the river
no one can know this small moment and its
beautiful
sadness better than her

Aggiungi un commento giugno 11th, 2009

PER MICHAEL WEST

di Lance Henson

Guardo lungo una strada di polvere bianca
e sento le voci fioche sotto la terra
che vagano nel messaggio disperso di un
triste
addio
mio fratello sta camminando al di là dei
villaggi vuoti
dove abitava l’innocenza
oltre le mura di pietra e i vasi distrutti dalle
parole dei bambini abbandonati
i miei occhi e il mio cuore sono nati in
questa terribile bellezza
la sua stranezza è un panno di crepuscolo
quieto
il sole una preghiera piatta che fluttua
nell’acqua
dov’è la promessa che un tempo riempì questa terra
ho fatto questa domanda una volta e da
allora ho imparato a restare solo e arrabbiato ai margini dell’america

For Michael West

I watch down a road of white dust
and hear the slow voices under the earth
wandering in the scattered message of a
dark
farewell
my brother is walking past empty villages
where innocence resided
past stone walls and jars wracked by the
words
of children abandoned
my eyes and heart were born into this
terrifying beauty
its strangeness a cloth of slow dusk
the sun a prayer wafer floating in water
where is the promise that once filled this
land
I asked this question once and since
have learned to become alone and angry
on the borderlines of america

Aggiungi un commento giugno 4th, 2009

QUESTA NON E’ UNA POESIA DELL’AUTOSTRADA DELL’ARIZONA

di Lance Henson

Metà pomeriggio
attraversando globe
mia sorella ubriaca sul sedile posteriore
elencando
tutti i bar dove bazzicano i pellerossa
Superata la riserva
dei san carlos apache
guardo i sogni incerti fatti di pioggia
nello specchietto retrovisore
fermo a fare benzina
i tergicristalli che creano un’immagine
surreale
di questa città
ho la bocca secca dopo aver guidato senza sosta
dall’Oklahoma
siamo solo indiani persi nella foschia
dell’america
e di nuovo
siamo venuti a seppellire i nostri morti.

mid afternoon
driving through globe
my sister drunk in the back seat naming all
the bars the skins hang out in
after passing the san carlos apache
reservation
i watch shaky dreams made of rain
in the rear view mirror
pulling into a station for gas
the wipers create a surreal picture
of this city
my mouth cotton dry after driving non stop
from oklahoma
were just indians lost in the blur
of america
and again
we have come to bury our dead
 (31/10/1987)

Aggiungi un commento maggio 27th, 2009

“PIOVE STASERA”, DI LANCE HENSON

It is raining tonight

it is raining tonight

on the barren plains at wounded knee

on the hogans at big mountain

on the barricades at cornwall island

on the red earth at geronimos grave in

oklahoma

it is raining tonight

on the burnt out buildings in Jenine

tonight it is raining

in the dreams of children in salvador and

nicaragua

and san carlos

in the dreams of mothers in brazil and chile

and pine ridge and wind river

tonight it is raining

the rain is ancient

within the keening wind of winter there is a

prayer

si vi wo ho oh shi win

si vi wo ho oh shi win

we will not be thrown away

 (december 28, 1990 from Winter Man)

 

 

Piove stasera

Questa sera piove

sulle pianure aride di wounded knee

sugli hogan della grande montagna

sulle barricate di cornwall island

sulla terra rossa della tomba di geronimo in

oklahoma

Questa sera piove

sui resti bruciati delle case del chiapas

Piove questa sera

nei sogni dei bambini in salvador e in

nicaragua

e san carlos

nei sogni delle madri in brasile e in cile

e a pine ridge e wind river

questa sera piove

La pioggia è antica

nel vento luttuoso dell’inverno c’è una

preghiera

Si vi wo ho oh shi win

si vi wo ho oh shi win

noi non saremo spazzati via

 

Aggiungi un commento maggio 21st, 2009

“SUBITO DOPO MEZZOGIORNO”, DI LANCE HENSON

Just after noon v.a alcohol recovery ward oklahoma city

this day two other indians were brought
in from the county jail
gaunt and without light they walk
unsteadily down the hall
i envision a photograph of 1869
three captive cheyennes wrapped in army
blankets standing near horses at camp
supply oklahoma
wordless and lost in this america that has
destroyed so many
i think of ortiz
and gogisgi
and ask a blessing for their way
we are the true veterans of this land

 
Subito dopo mezzogiorno al reparto di
recupero alcolisti del v.a. Oklahoma City

oggi hanno portato altri due indiani
dal carcere della contea
magri e spenti
camminano incerti per la sala
ho in mente una fotografia del 1869
tre cheyenne prigionieri avvolti nelle coperte dell’esercito in piedi vicino ai cavalli a camp supply in oklahoma
senza parole e perduto in questa america
che ne ha sterminati tanti
penso a ortiz
e a gogisgi
e chiedo una benedizione per la loro vita
noi siamo i veri veterani di questa terra

 

Aggiungi un commento maggio 17th, 2009

“GLI SCOMPARSI”, DI LANCE HENSON

Gli scomparsi

da qualche parte nell’oscurità illuminata
dalla luna
appena prima dell’alba
qualcuno accende una candela
lei passa la mano sulla
foto di un figlio una figlia
forse un marito
un volto sparito nelle nebbie di guerra
li chiamano gli scomparsi
questi volti su centinaia di muri
ovunque nel mondo
compaiono in migliaia di manifestazioni
portati per le strade dalle donne
gli uccelli che le sorvolano
riconoscono i solchi scuri
del loro pianto
ed uniscono il proprio canto al loro
Ascolta
stanno cantando

Aggiungi un commento maggio 3rd, 2009

“DIO DOPO IL RWANDA” DI JACOPO FO

Mi ricordo di una notte passata in preda al terrore di fronte alla televisione (Rai 3) che trasmetteva un lunghissimo collage di filmati sullo sterminio del Rwanda.
Parlo di terrore perché mi immedesimai in quel mare di profughi, di affamati, di feriti, di morti.
E mi chiesi, e me lo chiedo ancora, perché il mondo non reagì, perché la maggioranza degli umani furono indifferenti a quell’immane sofferenza.

photo-steve-hart

Rispondere a questa domanda credo sia essenziale per la qualità della vita di ognuno di noi.
Anni dopo quella notte passata di fronte al teleschermo lessi un libro impressionante: “Il concetto di Dio dopo Auschwitz”, dove Hans Jonas, l’autore diceva: “La domanda che gli stermini ci pongono è: come è possibile che Dio, la provvidenza, l’energia cosmica o qualunque altra cosa governi il mondo, non sia intervenuta a fermare i malvagi o quantomeno a punirli?
Neppure i miscredenti totali riescono a fuggire da questo interrogativo”.

Continua a leggere l’articolo di Jacopo Fo

Continua a leggere 1 comment aprile 7th, 2009

UN ALTRO VIAGGIO IN TRENO DI LANCE HENSON

Un altro viaggio in treno
appena fuori arles
luna piena sul rodano
in viaggio dall’america attraverso l’europa
una settimana fa…

rwanda_rfgees_tznia_1994

Continua a leggere la poesia di Lance Henson

Continua a leggere Aggiungi un commento aprile 6th, 2009

POESIA PER IL RWANDA DEL POETA CHEYENNE LANCE HENSON

 flowercopyright-carey-nash

 

years ago homeless in a san francisco rainstorm

I dreamt of a field of white

skulls

 

in a muddy field in rwanda

 

the only darkness the holes where their eyes were

 

a whisky presence and dutch army coat the only saving

grace against the other images

 

of sand creek and wounded knee

 

knowing the stench of dying hope and terror

have the same name and smell

 

and the name is missing….

 

what is the name of a man or a woman or a child

whose last breath is a scream

against tyranny

 

against the fear that lives inside us

 

 

near a busy oklahoma interstate

along the washita river

 

the fallen cheyenne still whisper

 

 

hi niswa vita kini……

 

we will live again….

 

 

 

Traduzione italiana:

 

Anni fa, vagando in un temporale a San Francisco

Ho sognato un campo bianco di teschi

 

In un terreno fangoso in Ruanda

 

Le uniche macchie scure, le cavità dove prima c’erano i loro occhi

 

Una presenza di whisky e un cappotto militare olandese

l’unica grazia salvifica contro le altre immagini

di sand creek e wounded knee

 

Sapendo che il fetore della speranza che muore e del terrore hanno lo stesso nome e lo stesso odore

E il nome è perso…

 

Qual è il nome di un uomo o di una donna o di un bambino

Il cui ultimo respiro è un grido contro la tirannia

 

Contro la paura che vive dentro di noi

 

Vicino a un’interstatale trafficata in Oklahoma lungo il fiume Washita

 

I Cheyenne caduti ancora sussurrano

 

hi niswa vita kini……

 

vivremo ancora….

 

  

 

ponticella italy

feb 10 09

 

lance henson

Aggiungi un commento aprile 2nd, 2009


Calendario

novembre: 2017
L M M G V S D
« mag    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Posts del mese

Posts su Categorie