Archive for gennaio, 2015

Il Mese delle Memorie presso la Casa del Popolo di Settignano

Anche quest’anno la Casa del Popolo di Settignano ha proposto una rassegna dedicata ai genocidi: noti e ignoti, più o meno vicini in termini temporali e geografici. Il 2015, fra l’altro, segna il centenario del genocidio armeno, che in realtà coinvolse tutte le minoranze cristiane dell’impero ottomano. Non soltanto gli Armeni, quindi, ma anche gli Assiri e i Greci del Ponto. Oggi questa tragedia, pur essendo ancora negata dal governo turco, è una realtà storica nota a tutti. Il suo riconoscimento dimostra che lo sforzo congiunto – informativo, accademico, politico – può cambiare le cose e radicare nella coscienza collettiva una tragedia ignota.

Documentari Mwaramutseho, Lyiza, Maibobo.

Documentari Mwaramutseho, Lyiza, Maibobo.

Sostanzialmente ignoto, al contrario, è il genocidio per fame (holodomor) pianificato da Stalin negli anni Trenta del secolo scorso. Un secolo che si è chiuso con due tragedie simultanee, quella bosniaca e quella ruandese. Sono ancora tanti i genocidi dimenticati, taciuti, negati. Purtroppo alcuni di loro hanno ben poche possibilità di uscire dall’ombra in cui si trovano. Anche il cinema può contribuire a diradare questa coltre di oblio. Ecco perché la rassegna prosegue animata da questo obiettivo in collaborazione con: ASS.IL CERCHIO ASS. IL PONTE DI MICT ONLUS BENE RWANDA CENTRO DI DOCUMENTAZIONE SUI POPOLI MINACCIATI CENTRO DOC.CARLO GIULIANI

La rassegna “Il mese delle memorie 2015″

Aggiungi un commento gennaio 30th, 2015

No alla cittadinanza onoraria a Paul Rusesabagina!

Abbiamo appena appreso questa notizia per noi rwandesi davvero choccante cioè che la città di Torino si appresta a conferire la cittadinanza onoraria a quello che i sopravvissuti dell’Hotel Milles Collines considerano un impostore aguzzino propinato come eroe dal film Hotel Rwanda senza appurare minimamente la veridicità dei quanto raccontato da Paul Rusesabagina! (http://www.torinotoday.it/cronaca/cittadinanza-onoraria-paul-risebagina-rwanda.html).
Ormai è stato ampiamente documentato quanto ciò che racconta il film sia più fiction che verità con tanto di libro che ha smentito l’impostura (HÔTEL RWANDA OU LE GÉNOCIDE DES TUTSIS VU PAR HOLLYWOOD).
Non ci lasciate soli in questa battaglia, aiutateci ad evitare che la memoria di un milione di morti passato sotto silenzio e inazione della comunità internazionale sia infangata con un premio a chi oggi nega lo stesso genocidio dei Tutsi del Rwanda!

Per fortuna grazie alla mobilitazione massiccia di tutti noi la cerimonia della consegna del premio è stata annullata, continueremo la battaglia purché il Consiglio comunale revochi la delibera di conferimento della cittadinanza onorario ad un presunto giusto mai riconosciuto dai sopravvissuti che lo stesso pretende aver salvato. Ecco cosa ne pensa Tatien Miheto, ex coordinatore del Comitato di Crisi all’Hotel Milles Collines Miheto-interpelle-le-hero-politicien-du-film Hotel Rwanda

E’ da anni che l’associazione Bene Rwanda è impegnata nel far luce e far conoscere al pubblico italiano la verità sul falso eroe del film di Terry Georges che racconta di un eroe mai esistito (http://www.benerwanda.org/index.php?s=Paul+Rusesabagina&searchbutton=Vai).

Negli ultimi anni non solo il negazionismo ma anche la celebrazione di falsi eroi ha turbato i sopravvissuti del genocidio. Molte delle testimonianze di sopravvissuti ospitati nel famoso Hotel delle Mille Colline pervenute alla nostra associazione sono, infatti, non in linea con le versioni date dal signor Rusesabagina e utilizzate per la produzione del film hollywoodiano “Hotel Rwanda”. Da vent’anni  i sopravvissuti chiedono chiarezza su quelle vicende e sull’effettivo operato del signor Rusesabagina durante e dopo il genocidio. Bene Rwanda è impegnata per il riconoscimento i veri “giusti del Rwanda” attraverso una campagna per l’assegnazione del Nobel per la Pace a Zura Karuhimbi, Yolande Mukagasana e Pierantonio Costa, in quanto Giusti per le loro azioni durante e dopo il genocidio del Rwanda del 1994 e figure rappresentative contro ogni genocidio.

Link utili: http://www.editions-harmattan.fr/index.asp?navig=catalogue&obj=livre&no=25388

http://blog.panorama.it/libri/2008/02/29/hotel-rwanda-il-libro-denuncia-che-inchioda-hollywood/

Il falso Schindler dell’ Hotel Rwanda

Per contribuire alla nostra causa, firmate la petizione per la revoca della cittadinanza onoraria deliberato dal Consiglio Comunale di Torino: https://www.change.org/

Aggiungi un commento gennaio 22nd, 2015

Ancora un nuovo genocidio dei Tutsi sotto il silenzio della Comunità Internazionale

Ieri gli interahamwe in Rwanda, oggi gli Imbonerakure in Burundi con l’obiettivo di sterminare i Tutsi mentre il mondo sta guardando con tanto di presenza della Brigata dell’Onu Monusco la quale piuttosto che fermare i genocidaridelle FDLR che seminano terrore in Congo ci sguazza dentro! Anch’io sono Charlie ma qui chi è Tutsi?
Massacri in BurundiPer rompere il silenzio assordante della stampa italiana e scongiurare quanto affermò l’allora presidente francese François Mitterand durante la carneficina in Rwanda nel 94 cioè “un genocidio in quei paesi non è importante, riporto volentieri questo articolo di Fulvio Beltrami.

Burundi. Guerra tra hutu, massacri di tutsi e venti di guerra regionali.

Aggiungi un commento gennaio 13th, 2015


Calendario

gennaio: 2015
L M M G V S D
« ott   apr »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Posts del mese

Posts su Categorie