Mapping report Onu: “6 milioni di morti nella Repubblica democratica del Congo? stravagante!” Secondo Aldo Ayello 

febbraio 28th, 2011

Mapping report Onu: “6 milioni di morti nella Repubblica democratica del Congo? stravagante!” Secondo Aldo Ayello

12 Dicembre, 2010, Kigali, Francois Molyneux

Il 9 e 10 dicembre scorsosi è tenuta a Kigali la conferenza internazionale sul genocidio in Ruanda. Due giorni di lavori che hanno riunito ricercatori, politici, diplomatici e scrittori. Tra questi, il diplomatico italiano Aldo Ayello, per il quale “la stravaganza della cifra di 6 milioni di morti in Congo dovrebbe essere sufficiente per screditare l’intero “mapping report” “delle Nazioni Unite”.

Ecco la sua intervista a Kigali.

Tra il 1992 e il 1994, il diplomatico italiano Aldo Ayello è stato inviato dalle Nazioni Unite in Mozambico per portarvi la pace. Poi fino al 2007 ha rappresentato l’Unione europea in Africa centrale per ravvicinare i belligeranti. Ritenuto eccellente conoscitore della regione dei Grandi Laghi, porta uno sguardo severo sul pre-rapporto “mapping” dell’Alto Commissario per i Diritti Umani delle Nazioni Unite sulle allegazioni di crimini di guerra, crimini contro l’umanità e anche di “genocidio” commessi nella Repubblica democratica del Congo (ex Zaire), la cui responsabilità incomberebbe essenzialmente al Fronte Patriottico ruandese. Quanto alla cifra di 6 milioni di vittime, lui la qualifica “semplicemente di stravagante”.
Signor Aldo Ayello, vi trovate in questo momento in Ruanda per partecipare ad un simposio organizzato dalla Commissione nazionale contro il genocidio sul tema “Mapping Report” della Commissione sui Diritti Umani delle Nazioni Unite sulle allegazioni di crimini di guerra, anche il genocidio in Congo tra il 1996 e il 1998. Questa relazione ha suscitato grande scalpore. Cosa ne pensi?

Aldo Ayello: – Ho trascorso 15 anni in Africa, tra cui Tanzania nei Grandi Laghi, ne ho quindi un’ esperienza diretta e conosco bene il contesto sul quale il rapporto della commissione delle Nazioni Unite ha prodotto una curiosa impasse. L’uscita di questa relazione mi ha profondamente sorpreso. Per quello che ho letto, contiene molte contraddizioni e incongruenze. Ma il peggio è a mio parere la vera amnesia che sembra aver colpito gli autori della relazione sul contesto degli eventi che pretendono descrivere ed analizzare. E la cifra stravagante delle vittime.

Che cosa intende parlando del contesto?

Aldo Ayello: – Si tratta della definizione stessa del supposto “mapping”. Per capire e apprezzare gli eventi che si sono verificati nella regione dei Grandi Laghi tra il 1993 e il 2003, non è sufficiente affidarsi a testimoni, molti dei quali sembrano fornire informazioni di seconda o terza mano, ma anche di comprendere il conflitto nel suo insieme, la sua genesi, le sue cause profonde. Ma la relazione non lo fa . Non definisce il quadro e in primis il genocidio. Voglio dire il vero genocidio, quello commesso nel 1994 contro i tutsi in Ruanda. La relazione della Commissione ONU ignora completamente questo avenimento cruciale. Questo modo di mettere tra parentesi il genocidio dei Tutsi e dei Hutu democratici impedisce di capire cosa è successo prima, durante e dopo.

Prima?

Aldo Ayello: – E ‘essenziale ricordare che il genocidio del 1994 contro i Tutsi era scientificamente pianificato. Come gli autori della relazione possono dimenticare ad esempio la testimonianza e i telegrammi del generale Romeo Dallaire, comandante nel 1993 e nel 1994 la forza delle Nazioni Unite (UNAMIR) in Ruanda? I telegrammi non potevano essere più precisi, in particolare quella del 11 gennaio, e sottolinea il fallimento delle Nazioni Unite nel prevenire il genocidio, fino al vile ritiro della maggioranza delle forze dell’UNAMIR. E’ grazie al segretario generale Boutros Boutros Ghali che la presenza minima è rimasta ha permesso alla comunità internazionale mantenere una sguardo diretto ciò che accaduto. Forse questa presenza minima ha salvato alcune vite. Forse, in alcuni casi, ha imposto un ritegno minimo agli autori della carneficina. Sono davvero sorpreso che gli autori della relazione creino una situazione di stallo su tutto ciò. E che dimentichino inoltre che l’ONU ha poi consentito che i campi profughi – che hanno accolto la popolazione Hutu costretto a fuggire dal suo paese sotto la pressione dei genocidari – hanno potuto stabilirsi a pochi metri dal confine con il Ruanda. Ecco quello che è stato l’origine l’origine delle tragedie che seguirono.

Cosa l’ONU avrebbe dovuto fare dopo il genocidio e l’esilio forzato di milioni di ruandesi?

Aldo Ayello: – Le norme internazionali concernenti l’accoglienza delle popolazioni rifugiati sono chiare. In particolare, i campi devono essere istallati a grande distanza dal paese lasciato per evidenti motivi di sicurezza. Ma l’Onu ha tollerato che alcuni campi siano istallati a pochi metri dal confine del Ruanda. Questi campi sono stati controllati dalle stesse autorità che avevano orchestrato il genocidio. L’ONU ha tollerato le ex forze armate ruandesi (FAR) possano istallarsi in mezzo a questi rifugiati con le loro armi e munizioni. L’ONU ha tollerato che le ex-FAR possano riorganizzarsi ed integrare il proprio effettivo con l’intenzione chiaramente manifeste di attaccare il Ruanda per riconquistare il potere, e nel frattempo, di destabilizzare le autorità attraverso una serie di incursioni armate. Ricordo che le organizzazioni non governative e l’Alto Commissario per i rifugiati non avevano il controllo dei campi. Che non avevano neanche il diritto di entrarvi per identificare il numero effettivo dei rifugiati. Che le autorità ruandesi in esilio baravano spudoratamente sul numero dei rifugiati per ottenere scorte di materiali e razioni alimentari che rivendevano alla popolazione zairese per acquistare più armi e munizioni. L’intenzione dichiarata di queste persone era quello di “continuare il lavoro che non non avevano completato”, vale a dire, di tornare in Ruanda per completare lo sterminio dei Tutsi.

Gli autori della pre-relazione non fanno menzione di questo?

Aldo Ayello: – Esattamente. Ho cercato nella relazione il richiamo delle cause della crisi che i relatori sostengono spiegare e analizzare. Non ho trovato un solo paragrafo serio si ciò, nulla sulla responsabilità della comunità internazionale che ha lasciato violare le proprie regole, tollerando l’installazione sulla frontiera del Ruanda delle forze che si preparavamo per la riconquista del paese appoggiandosi sul finanziamento dei campi mediante la deviazione massiccia dell’aiuto della comunità internazionale, compresa quella dell’Unione europea. C’è bisogno di ricordare che i finanziamenti per questa popolazione costretto all’esilio costava un milione di dollari al giorno, la metà dei quali finanziati dalla Unione Europea? Pochi mesi dopo la fuga dal Ruanda, le ex-FAR avevano ricostituito la loro forza di circa 50.000 soldati. Erano riusciti a trasferire nello Zaire la maggior parte delle loro armi pesanti, i loro veicoli e la maggior parte delle loro armi legeri. Hanno comprato il resto dai soldati zairesi con il denaro saccheggiato prima di fuggire in Ruanda e il denaro sottratti al budget destinato all’assistenza dei rifugiati.

Per riprendere la guerra perduta nel luglio 1994?

Aldo Ayello: – Nel 1995 e 1996, il Rwanda è stato sottoposto a incursioni armate e attacchi quasi quotidiani. Non è successo questa settimana, senza che i sopravvissuti vengono uccisi da un commando di Zaire. Ricordo che la strada strategica tra Kigali e Gisenyi sul confine dello Zaire, era frequentemente minata. L’insicurezza era tale che non era più praticabile né di giorno e né di notte, erano necessarie organizzare delle processioni di automobili, scortato da potenti mezzi militari.

Come gli autori della relazione hanno potuto fare l’impasse su questa situazione?

Aldo Ayello: – Questo è il problema. Tra il 1994 e il 1996, il Ruanda era un paese sotto assedio e l’inconsistenza , l’incoerenza e la viltà della comunità internazionale hanno contribuito pesantemente a questa situazione. Le autorità del precedente governo ad “interim” che hanno preparato e supervisionato il genocidio volevano imporre al governo ruandese un negoziato per condividere il potere, facendo l’impasse sulla spaventosa carneficina che avevano causato. A quel tempo, ho incontrato diverse volte il presidente del Ruanda Pasteur Bizimungu e il vicepresidente e ministro della Difesa, Paul Kagame. Entrambi si lamentava amaramente dell’incuria delle Nazioni Unite che lasciava prepararsi una nuova tragedia.

Che cosa hanno detto esattamente?

Aldo Ayello: – In diverse occasioni, Paul Kagame ha detto: “Occorre che le Nazioni Unite consentano ai ruandesi in ostaggio dai genocidari di rientrare nel loro paese, altrimenti saremo costretti a farlo noi stessi.” Ho riportato le sue parole ai miei interlocutori nelle Nazioni Unite, ma non ne hanno tenuto conto. Nessun paese europeo era pronto a mandare i militari nei campi di rifugiati per sottrarre la popolazione al terrore dell’inquadramento genocidario. Nessuno voleva prendersi la responsabilità di ristabilire le normali regole di ospitalità e amministrazione delle popolazioni rifugiate. Nessuno era disposto a destinare risorse per spostare i campi o per proteggere i ruandesi che volevano tornare nel loro paese e coloro che venivano assassinati dalle forze di genocidarie ogni volta che ne mostrava l’intenzione. Conservo un ricordo preciso delle richieste da parte delle autorità di Kigali, ripetute mille volte, de contribuire al ripristino di una situazione normale per i rifugiati. E ’strano che questo problema che ha dominato la politica del Ruanda durante gli anni 1994 à 1996 sia stato completamente ignorato dagli autori della relazione della commissione delle Nazioni Unite.

Come è possibile?

Aldo Ayello: -Me lo chiedo anch’io. Non ero il solo a cui il Presidente della Repubblica del Ruanda e del suo vice-presidente ponevano il problema. Tutti i rappresentanti di governi esteri che hanno incontrato il nuovo governo del Ruanda sentivano lo stesso ritornello.  La questione è stata la base dei negoziati di Lusaka. Sento ancora le risposte di alcune autorità governative occidentali: “Sarebbe troppo rischioso, troppo pericoloso, troppo costoso”. Come hanno potuto fare questi argomenti, mentre il costo del mantenimento dei campi profughi è stato un milione di dollari al giorno!

E ’stata la volontà politica è mancata?

Aldo Ayello: – Esattamente. L’operazione avrebbe gravato sui militari dei paesi sviluppati che volevano evitare tale incombenza. Sento ancora Paul Kagame, che allora era vice-presidente dirmi : “Se l’occidente non vuole riportare l’ordine nei campi profughi, impedire les ex = FAR preparare un attacco armato contro il Ruanda e agevolare il ritorno dei rifugiati, allora saremo costretti a farlo noi stessi ”. Ho trasmesso tali osservazioni ai responsabili dell’Unione europea, degli alti funzionari degli Stati Uniti, a una serie di membri della comunità internazionale. Mi sono imbattuto in un fine senza risposta.

Lei ritiene che l’attacco da parte delle dell’esercito patriotico rwandese e le truppe di Kabila alla fine del 1996 costituiva un atto di legittima autodifesa?

Aldo Ayello: – Chiamiamo le cose con il loro nome. L’accoglienza compiacente delle autorità zairesi ai responsabili del genocidio, l’autorizzazione a concessagli di ricostruire una forza armata considerevole, a rifornirsi armi e munizioni, la tolleranza di cui hanno goduto terrorizzando i campi profughi e, infine la preparazione di un attacco generale contro il Ruanda, che era in programma all’inizio del 1997, tutto questo ha provocato un atto di autodifesa delle autorità del Rwanda.

Perché se l’Esercito Patriottico Ruandese non aveva attaccato a fine 1996, forse non avrebbe resistito alla massiccia invasione militare progettata da ex-FAR poche settimane dopo, e il genocidio sarebbe stato finalizzato.

Cosa ne pensi delle osservazioni del rapporto delle Nazioni Unite che lasciano intendere che gli atti di genocidio contro gli hutu sarebbero stati commessi nello Zaire dall’Armata Patriotico Rwandese e dalle forze di Kabila?

Aldo Ayello: – Parlare di genocidio commessonello zaire contro i profughi rwandesi richiede molta immaginazione e fantasia. Vi rimando all’articolo 6 del Trattato di Roma, chiamato la Convenzione sul genocidio. Si tratta di “atti commessi con l’intenzione di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, religioso, ecc ..” Dopo l’attacco nello Zaire a fine 1996, le autorità ruandesi hanno creato un corridoio umanitario che ha permesso il rimpatrio in Rwanda di milioni di persone liberate dalla morsa del terrore nei campi. Queste persone non sono state sterminate, ma piuttosto protette. E ’stata ancora una volta un atto di autodifesa da un paese assediato e in favore di milioni di rifugiati soggetti alla propaganda che aveva portato al genocidio, la maggior parte dei quali erano soddisfatti di potere rientrare al loro paese sotto la protezione dell’APR.

Ma gli altri rifugiati fuggiti …?

Aldo Ayello: – Non ignoro che centinaia di migliaia di rifugiati sono stati spinti in profondità nel territorio dello Zaire a causa del panico o sotto costrizione dei soldati ex-FAR che li usavano come di uno scudo umano. Nella maggior parte dei casi, anche quando questi rifugiati aveva percorso centinaia di chilometri all’interno dello fino a Zaire a Tingi-Ting o a Kisangani, hanno potuto essere ricondotti in Ruanda. In altri casi, ci sono stati perdite umani, soprattutto quando questi rifugiati sono stati usati come scudi umani da parte delle ex- FAR e forze armate zairesi che li hanno soccorsi per cercare di evitare la sconfitta. Che decine di migliaia di rifugiati abbiano perduti la vita in queste terribili circostanze, a causa dei combattimenti, delle malattie, della stanchezza, anche dei “danni collaterali” è evidente. Citare la cifra di 6 milioni di vittime causate dall’Armata Patriotico Rwandaise e gli altri paesi che hanno partecipato alle operazioni militari nello Zaire fino caduta di Mobutu è semplicemente stravagante e dovrebbe essere sufficiente per screditare l’intero report mapping de l’ONU.

Perché questa proprio cifra?

Aldo Ayello: – non è basata su nulla di concreto. Possiamo vedere l’effetto ricercato della propaganda. Si tratta di raggiungere una cifra paragonabile al numero di ebrei sterminati dai nazisti, per attirare l’attenzione dell’opinione pubblica internazionale, gioca re sul registro delle emozioni, dell’indignazione, della passione. O peggio ancora, soffiare sul fuoco dell’odio. Ancora una volta, tutto questo non ha nulla a che fare con la realtà.

Entry Filed under: News

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Calendario

ottobre: 2019
L M M G V S D
« apr    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Posts più recenti