La vergogna dell’Africa di Ahmad Salkida Tradotto da F. Kankindi

agosto 5th, 2015

Recentemente la guardia costiera UE ha scavato da sotto il Mar Mediterraneo diverse centinaia di corpi di giovani africani annegati in un disperato tentativo di attraversarlo per raggiungere l’Europa. La disperazione racconta un’altra storia sordida. Giovani africani pieni di vita sono stati truffati da una miriade di disgrazie nelle loro paesi d’origine. Le guerre, terrorismo, malgoverno, corruzione, disoccupazione, carestia hanno contribuito a rendere ai giovani africani un futuro più misero e incerto.
L’analisi attento delle nazionalità dei giovani africani, brulicante il Mar Mediterraneo e le morti audaci ad ogni costo riflette paesi incastonati nella corruzione, terrorismo, repressione e malgoverno. In effetti, non sorprende, raramente nessuno tra questi disperati giovani africani provengono dalla Repubblica del Ruanda. Una cosa o due riguardo il Ruanda. Un po ‘più di due decenni fa, il Ruanda, guidato dalla corruzione, l’odio e il nepotismo discese nell’abisso più basso della depravazione umana e del genocidio. Il Rwanda in una brusca svolta drammatica è diventato l’incarnazione e la locandina dell’ orrore e della vergogna dell’Africa.
Ma un ritmo sostenuto di ispirazione e visione individuale, il presidente Paul Kagame ha portato una società piena di odio, diviso, impoveriti e disperati a un modello di riconciliazione, buon governo, e supremazia nazionale.

La vergogna dell'Africa

Perché è possibile che in un lasso di tempo di decennio una leadership africana è in grado di condurre uno Stato fallito a un modello di prosperità economica e altri paesi africani con molto meno problemi, più dotati economicamente e socialmente stanno affondando ogni giorno in categorie di falliti e Stati fallimentari? Prendete, per esempio, la Nigeria, Camerun, Senegal, Congo, Etiopia, Eritrea, Somalia, Sudan e Libia, ecc. Ciascuno di questi paesi per la sua dotazione naturale e delle risorse umane porta più potenzialità di qualsiasi paese europeo. Eppure, i giovani, il futuro, la posterità di queste nazioni sono giorno per giorno votate ad un rifiuto e abbracciano la morte certa e gioiosa, semplicemente fuggendo la disumanità che li prospetta la loro cittadinanza africana.

Così nel 21 ° secolo in Africa, più di un secolo dietro l’epoca della schiavitù europea degli africani, i nostri valori sono sottoposti anche all’inumanità della schiavitù. In termini semplici, i padroni di schiavi europei sono venuto in Africa, impiegando gli armi per perseguire, catturare e prendere gli africani in schiavitù. Oggi, sono gli africani che progettano il loro schema alla ricerca di un’aspirazione da schiavo. Questa è la mia interpretazione della migrazione di massa verso l’Europa.
“La realtà è, l’Africa è stato strappato via per tanto tempo”, dice l’ex presidente dela Banca Africana di Sviluppo Donald Kaberuka. “L’Africa vuole crescere in sé dalla povertà attraverso il commercio e gli investimenti -. Per farlo parte è garantire che vi sia trasparenza e buon governo nel settore delle risorse naturali”
Tuttavia, il commercio equo e trasparente tra l’Africa e il resto del mondo, soprattutto il mondo occidentale sembra irraggiungibile, ma è troppo tardi per gli africani a stare a guardare e lamentarsi, lo sviluppo nel Botswana, ricco di diamanti e una volta il Ruanda agraria impoverito ha rivelato che se i paesi africani faccessero le cose giuste, si può sperimentare una crescita economica stabile e trasparente e cambiare la vita dei loro cittadini in giro di un breve periodo.
Immaginate la Nigeria con una popolazione di oltre 170 milioni, il più grande mercato africano, i giovani più intraprendenti ed energiche, una profondità di robusti professionisti e persone altamente creative. Che altro è necessario per disporre di una potenza mondiale diverso da questi elementi? Ma il sogno nigeriano e le aspirazioni di una nazione forte, che porta il resto dell’Africa è stato reso un sogno irrealizzabile. Secondo un ex della Banca Mondiale vicepresidente per l’Africa, Oby Ezekwesili, la Nigeria, il più grande produttore di petrolio dell’Africa, ha perso almeno $ 400 miliardi (£ 250 miliardi) delle sue entrate di petrolio dopo l’indipendenza del paese nel 1960. Nel frattempo, circa il 90% delel persone vivono con meno di 2 $ al giorno. Ma che non può essere tutta la storia della Nigeria.
Le ultime elezioni generali in Nigeria sono stati eloquentemente descritti come uno spartiacque, la narrazione che porta alle elezioni sono stati costruiti intorno al cambiamento. La Nigeria ha bisogno di cambiamento. La Nigeria ha bisogno di portare l’Africa a un cambiamento duraturo. Tuttavia la Nigeria per avere successo in questo, ha bisogno di guardare nella direzione di un piccolo paese dell’Africa orientale che non è poi così perfetto, ma questo paese cerca l’eccellenza facendo le cose giuste finora.
Le sfide in Africa sono reali, ma la soluzione si trova in Africa, e non all’estero. Il Ruanda, guidato da un africano ha dato testimonianza eloquente di questo. E ‘un modello praticabile. Nigeria, Ghana, Senegal e anche la travagliata ricca Libia possono prendere in prestito una foglia dal modello ruandese e salvare questa generazione di africani, assolvendo e contenendo la vergogna di oggi.
Mise à jour le Mardi, 04 Août 2015 21:32

Recentemente la guardia costiera UE ha scavato da sotto il Mar Mediterraneo diverse centinaia di corpi di giovani africani annegati in un disperato tentativo di attraversarlo per raggiungere l’Europa. La disperazione racconta un’altra storia sordida. Giovani africani pieni di vita sono stati truffati da una miriade di disgrazie nelle loro paesi d’origine. Le guerre, terrorismo, malgoverno, corruzione, disoccupazione, carestia hanno contribuito a rendere ai giovani africani un futuro più misero e incerto.
L’analisi attento delle nazionalità dei giovani africani, brulicante il Mar Mediterraneo e le morti audaci ad ogni costo riflette paesi incastonati nella corruzione, terrorismo, repressione e malgoverno. In effetti, non sorprende, raramente nessuno tra questi disperati giovani africani provengono dalla Repubblica del Ruanda. Una cosa o due riguardo il Ruanda. Un po ‘più di due decenni fa, il Ruanda, guidato dalla corruzione, l’odio e il nepotismo discese nell’abisso più basso della depravazione umana e del genocidio. Il Rwanda in una brusca svolta drammatica è diventato l’incarnazione e la locandina dell’ orrore e della vergogna dell’Africa.
Ma un ritmo sostenuto di ispirazione e visione individuale, il presidente Paul Kagame ha portato una società piena di odio, diviso, impoveriti e disperati a un modello di riconciliazione, buon governo, e supremazia nazionale.
Perché è possibile che in un lasso di tempo di decennio una leadership africana è in grado di condurre uno Stato fallito a un modello di prosperità economica e altri paesi africani con molto meno problemi, più dotati economicamente e socialmente stanno affondando ogni giorno in categorie di falliti e Stati fallimentari? Prendete, per esempio, la Nigeria, Camerun, Senegal, Congo, Etiopia, Eritrea, Somalia, Sudan e Libia, ecc. Ciascuno di questi paesi per la sua dotazione naturale e delle risorse umane porta più potenzialità di qualsiasi paese europeo. Eppure, i giovani, il futuro, la posterità di queste nazioni sono giorno per giorno votate ad un rifiuto e abbracciano la morte certa e gioiosa, semplicemente fuggendo la disumanità che li prospetta la loro cittadinanza africana.
Così nel 21 ° secolo in Africa, più di un secolo dietro l’epoca della schiavitù europea degli africani, i nostri valori sono sottoposti anche all’inumanità della schiavitù. In termini semplici, i padroni di schiavi europei sono venuto in Africa, impiegando gli armi per perseguire, catturare e prendere gli africani in schiavitù. Oggi, sono gli africani che progettano il loro schema alla ricerca di un’aspirazione da schiavo. Questa è la mia interpretazione della migrazione di massa verso l’Europa.
“La realtà è, l’Africa è stato strappato via per tanto tempo”, dice l’ex presidente dela Banca Africana di Sviluppo Donald Kaberuka. “L’Africa vuole crescere in sé dalla povertà attraverso il commercio e gli investimenti -. Per farlo parte è garantire che vi sia trasparenza e buon governo nel settore delle risorse naturali”
Tuttavia, il commercio equo e trasparente tra l’Africa e il resto del mondo, soprattutto il mondo occidentale sembra irraggiungibile, ma è troppo tardi per gli africani a stare a guardare e lamentarsi, lo sviluppo nel Botswana, ricco di diamanti e una volta il Ruanda agraria impoverito ha rivelato che se i paesi africani faccessero le cose giuste, si può sperimentare una crescita economica stabile e trasparente e cambiare la vita dei loro cittadini in giro di un breve periodo.
Immaginate la Nigeria con una popolazione di oltre 170 milioni, il più grande mercato africano, i giovani più intraprendenti ed energiche, una profondità di robusti professionisti e persone altamente creative. Che altro è necessario per disporre di una potenza mondiale diverso da questi elementi? Ma il sogno nigeriano e le aspirazioni di una nazione forte, che porta il resto dell’Africa è stato reso un sogno irrealizzabile. Secondo un ex della Banca Mondiale vicepresidente per l’Africa, Oby Ezekwesili, la Nigeria, il più grande produttore di petrolio dell’Africa, ha perso almeno $ 400 miliardi (£ 250 miliardi) delle sue entrate di petrolio dopo l’indipendenza del paese nel 1960. Nel frattempo, circa il 90% delel persone vivono con meno di 2 $ al giorno. Ma che non può essere tutta la storia della Nigeria.
Le ultime elezioni generali in Nigeria sono stati eloquentemente descritti come uno spartiacque, la narrazione che porta alle elezioni sono stati costruiti intorno al cambiamento. La Nigeria ha bisogno di cambiamento. La Nigeria ha bisogno di portare l’Africa a un cambiamento duraturo. Tuttavia la Nigeria per avere successo in questo, ha bisogno di guardare nella direzione di un piccolo paese dell’Africa orientale che non è poi così perfetto, ma questo paese cerca l’eccellenza facendo le cose giuste finora.
Le sfide in Africa sono reali, ma la soluzione si trova in Africa, e non all’estero. Il Ruanda, guidato da un africano ha dato testimonianza eloquente di questo. E ‘un modello praticabile. Nigeria, Ghana, Senegal e anche la travagliata ricca Libia possono prendere in prestito una foglia dal modello ruandese e salvare questa generazione di africani, assolvendo e contenendo la vergogna di oggi.

Pubblicato  Martedì, 04 Agosto 2015 21:32

Originale: OPINION : The Shame Of Africa

Entry Filed under: News

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Calendario

settembre: 2020
L M M G V S D
« apr    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Posts più recenti